L’acqua fa dimagrire ???

L’acqua fa dimagrire ???

Si attribuiscono all’acqua un sacco di proprietà, ma quella che fa dimagrire è VERAMENTE TROPPO…Quante volte ho sentito dire questa cosa…   Ma… non è del tutto sbagliato… anzi direi che è proprio corretto !!!  Vediamo bene com’è possibile che l’acqua faccia dimagrire. Forse perché scioglie il grasso? no… il grasso è idrorepellente, quindi l’acqua non scioglie nulla.

Forse perché “lava via il grasso”? si… magari con del detersivo dentro ci possiamo lavare le mani sporche di grasso, ma dimagrire la vedo proprio difficile.

Allora perchè l’acqua è un termogenico? iniziamo ad avvicinarci. L’acqua è il termogenico naturale per eccellenza, purchè bevuta in grandi quantità.

Dal momento che immettiamo nel nostro corpo una ingente quantità di acqua fredda (non serve berla fredda di frigorifero), saremo costretti a contrastare la massa fredda innalzando di qualche centigrado la temperatura corporea creando una vera e propria termogenesi, e nel momento che faremo tanta PLIN PLIN (orinazioni frequenti, continue e abbondanti) una massa di acqua oramai calda uscirà dal nostro corpo, ed ecco che un’altra volta seremo impegnati a contrastare la temperatura in abbassamento innalzandola nuovamente.   Su questa teoria ci sono studi che confermano, ma altrettanti studi che smentiscono. A chi credere allora?  Crediamo agli studi scientifici, quelli medici, quelli veri.

L’angiotensina II è un polipeptide che permette la formazione dei ricettori alfa 2 adrenergici. Le cellule adipose (e le vene che le irrorano) contengono ricettori beta adrenergici ed alfa 2 adrenergici. Quando l’adrenalina e la noradrenalina stimolano questi ricettori, essi si comportano in maniera diametralmente opposta: i beta adrenergici attivano velocemente la lipolisi, mentre gli alfa 2 adrenergici la bloccano.

È evidente che più si è ricchi di beta adrenergici e poveri di alfa 2 adrenergici tanto più velocemente si dimagrirà, viceversa sarà molto difficile perdere grasso. Il fatto è che diverse parti corporee possono avere diverse dotazioni di questi ricettori, i quali sono sotto l’influenza degli ormoni sessuali.

L’acqua introdotta, oltre a stabilire il livello di idratazione cellulare (intra ed extra) determina anche cambiamenti ormonali. Un maggior volume sanguigno (dato da una maggior quantità d’acqua) abbassa la pressione ematica in un soggetto sano… più sangue abbiamo e meno i vasi sanguigni si devono costringere per mantenere la pressione.

Un ipoteso si tratta con idratazione, un iperteso con diuretici…
Un aumento del volume ematico determina variazioni ormonali rilasciando il PEPTIDE NATRIURETICO ATRIALE (ANP) e inibendo l’angiotensina II. Questo permette al grasso (soprattutto quello ostinato) di portare in superficie i ricettori beta adrenergici, limitando quello alfa adrenergici. La cellula di grasso può così venire a contatto con una maggiore quantità di sangue, rilasciando così una maggiore quantità di acidi grassi.

Se il volume sanguigno si modifica è importante variare in proporzione anche sodio, potassio e magnesio.

Ecco un’altra buona ragione per bere… e ovviamente… mangiare bene.

Condividi l'articolo se ti è piaciuto, cliccando
sui bottoni qui sotto

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

COMPILA IL FORM PER PARTECIPARE ALLA SELEZIONE
PER LA BORSA DI STUDIO
DI 500€

Inserisci i tuoi dati per essere ricontattato e sapere se ci sono ancora posti disponibili

*Campi obbligatori

L'intervento di Fabio Zonin

L'intervento di Roberto Amorosi

L'intervento di Michele Spreghini

L'intervento di Fabio Morbidini

L'intervento di Mario Civalleri

Per accedere alla scuola è necessario inviare un curriculum vitae che elenchi le seguenti informazioni.
  • Nome e Cognome
  • Data e luogo di nascita
  • Indirizzo di residenza
  • Esperienze formative (corsi, master, stage, workshop), indicando sempre l’ente di formazione.
  • Esperienze lavorative nel mondo della palestra, del body building, del power lifting e del weight lifting.
  • Curriculum sportivo (se presente) con relative gare e piazzamenti.
  • Se si sono già avute esperienze di preparazione di atleti, e per quali tipo di competizioni, elencare il nome degli atleti preparati, le gare fatte ed i relativi piazzamenti.
  • Se si sono già avute esperienze di preparazione come atleta con altri preparatori, specificare il nome del preparatore.